Banca? No grazie. Il bello del business in autofinanziamento

Le imprese italiane non possono fare a meno delle banche poiché rappresentano il più importante canale di finanziamento. Ma come riporta Milano Finanza di sabato 10 settembre, ogni regola ha una sua eccezione: esistono molte imprese senza debiti finanziari che riescono a generare le risorse necessarie al proprio business senza ricorrere al credito bancario attingendo dalle proprie risorse e dalle proprie capacità gestionali.

Lo studio, effettuato da Milano Finanza e Leanus su circa 1350 PMI Italiane non indebitate, ha evidenziato come queste imprese siano caratterizzate da:

  • Margini operativi medio-bassi e con una variabilità a seconda del settore di appartenenza;
  • Struttura debitoria del campione non ottimale. Infatti nonostante l’assenza di debiti per finanziamenti di natura bancaria le aziende hanno una presenza importante di debiti commerciali, erariali o altri;
  • Buon equilibrio nella gestione del capitale circolante netto che genera bassi fabbisogni finanziari.

In definitiva come fanno queste imprese a svolgere la propria attività senza ricorre a finanziatori esterni con un livello di indebitamento rilevante? La risposta va cercata nella qualità del management e nella sua capacità di far leva sui due fattori chiave dell’autofinanziamento:

  • Tempi d’incasso e pagamento;
  • Il presidio della tesoreria aziendale e del capitale circolante.

Una loro corretta gestione darà la capacità all’azienda di mantenere il capitale circolante netto contenuto rispetto ai ricavi generati ottenendo quindi una struttura che permette di generare valore con un investimento minimo.

Come sempre Studio Eidos ritiene necessario per le Aziende essere aggiornate sui cambiamenti che interessano il loro operato. Per qualsiasi informazione non esitate a contattarci