L’azienda è nelle mani del tesoriere

L’articolo di oggi ribadisce l’importanza della funzione interna di tesoreria soprattutto in un periodo nel quale i flussi di nuovo credito restano insufficienti. In un contesto come quello attuale, anche alla luce della nuova regolamentazione di Basilea III che porterà quasi inevitabilmente ad un ulteriore razionamento del credito, è fondamentale per le imprese assicurare una corretta gestione dei flussi di cassa per evitare affanni.

Allungare la vista e prevedere il fabbisogno
In tal proposito, vi suggeriamo la lettura del focus sulla gestione aziendale di “Affari e Finanza” del 15 dicembre 2014. La preventivazione di tesoreria e la pianificazione finanziaria diventano strumenti indispensabili per allungare la vista e prevedere le situazioni di fabbisogno nel breve termine. Il lavoro del tesoriere richiede capacità strategiche con l’obiettivo di generare flussi di cassa nel tempo. A sostegno dell’attività della funzione tesoreria accorrono in aiuto alcuni software avanzati che permettono di automatizzare operazioni ripetitive, monitorare ogni giorno i rapporti con gli istituti di credito, analizzare e ottimizzare i flussi finanziari su base previsionale con lo scopo di migliorare la redditività aziendale riducendo gli oneri finanziari.

Come sono messe le PMI italiane con la tesoreria aziendale?
Il credit crunch penalizza soprattutto le PMI caratterizzate da bassa dimensione del fatturato medio e da sottocapitalizzazione associate a tempi di pagamento lunghi ed eccessivo ricorso all’indebitamento bancario a breve. Perciò la funzione di tesoreria e pianificazione finanziaria dovrebbe assumere un ruolo di rilievo soprattutto nelle realtà aziendali medio-piccole in cui il monitoraggio diventa cruciale per evitare di fare il passo più lungo della gamba. Tuttavia, la realtà ci dice che proprio le aziende meno strutturate e meno solide finanziariamente dedicano tempo e risorse insufficienti alla gestione della tesoreria.
A nostro avviso, per superare le difficoltà finanziarie, le imprese italiane dovrebbero rivalutare l’importanza della figura del tesoriere d’azienda ed investire sull’innovazione dotandosi di strumenti informatici specifici.

Andrea Pallecchi e Laura Lapadula

foto credits: István Berta

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *